L'agevolazione nuova Sabatini

L'agevolazione "nuova Sabatini"

  • Di:Riccardo L.
  • 0 Commenti

L'agevolazione "Beni strumentali - Nuova Sabatini" è stata istituita dal Decreto del Fare (D.L. 69/2013). Il quadro normativo risulta piuttosto complesso in quanto comprende, oltre al Decreto del Fare, anche i successivi ritocchi applicati:

La Nuova Sabatini consiste in un'agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico, al fine di facilitare l'accesso al credito delle PMI ed accrescerne la competitività. Innanzitutto è quindi bene specificare chi rientri nella definizione di PMI:

  • micro-imprese, con meno di 10 dipendenti ed un fatturato annuo inferiore a 2 milioni di Euro
  • piccole imprese, con meno di 50 dipendenti ed un fatturato annuo inferiore a 10 milioni di Euro
  • medie imprese, con meno di 250 dipendenti ed un fatturato annuo inferiore a 50 milioni di Euro

Inoltre per beneficiare dell'agevolazione, l'impresa deve soddisfare alla data di presentazione della domanda i seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituita e iscritta nel Registro delle imprese o nel Registro delle imprese di pesca
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non in liquidazione volontaria o sottoposta a procedure concorsuali
  • non rientrare tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea
  • non trovarsi in condizioni tali da risultare imprese in difficoltà
  • avere sede in uno Stato Membro purché si provveda all'apertura di una sede operativa in Italia entro il termine previsto per l’ultimazione dell’investimento

Premesso questo, gli investimenti per i quali si può accedere all'agevolazione riguardano gli acquisti o le acquisizioni in leasing di macchinari, impianti, hardware, software e in generale beni strumentali ad uso produttivo nuovi. Dal punto di vista del bilancio, tali beni devono essere classificati nell'attivo dello stato patrimoniale alle voci B.II.2 "impianti e macchinari", B.II.3 "attrezzature industriali e commerciali" e B.II.4 "altri beni", ai sensi dell'articolo 2424 c.c. In ogni caso, gli investimenti effettuati dovranno presentare un'autonomia funzionale dei beni, in quanto non possono essere agevolati gli acquisti di semplici componenti o parti di un macchinario, ed essere correlati all'attività produttiva svolta. L'obiettivo è evidentemente quello di fare in modo che soltanto i beni nuovi, autonomi ed effettivamente utili allo scopo produttivo perseguito dall'impresa vengano agevolati.

Entriamo ora nella descrizione dell'agevolazione vera e propria. Innanzitutto l''investimento può essere interamente coperto dal finanziamento bancario o dal leasing, e deve presentare congiuntamente le seguenti caratteristiche:

  • la durata non può essere superiore ai 5 anni
  • l'importo deve essere compreso tra 20.000 € e 2.000.000 €
  • deve essere interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili

L'ammontare del contributo stanziato dal Ministero dello sviluppo economico è determinato "in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di 5 anni e di importo uguale all'investimento". Il tasso d'interesse annuo è pari al 2,75% per gli investimenti ordinari e pari al 3,575% per gli investimenti in tecnologie cosiddette "industria 4.0" (individuate all'interno degli allegati 6/A e 6/B della Circolare ministeriale 15 febbraio 2017 n.14036 e successive modificazioni).

Il Ministero dello sviluppo economico ha messo a disposizione di chiunque sia interessato uno strumento per il calcolo immediato dell'agevolazione (scaricabile qui) che si può ottenere nei 5 anni, partendo dall'importo del finanziamento. Volendo invece capire come si arriva all'importo agevolabile tramite un calcolo passo-passo, è necessario costruire ammortamento alla francese con l'importo del finanziamento richiesto ed applicando il tasso d'interesse annuo adeguato a seconda che l'investimento sia ordinario o meno. L'esempio sottostante descrive il metodo di calcolo per calcolare l'importo agevolato che l'impresa può richiedere nel caso di un finanziamento pari ad 1.000.000 € per un investimento ordinario,  e pertanto con tasso d'interesse pari al 2,75%. In questo caso al termine del quinto anno, ovvero del decimo semestre, il contributo MISE sarà di 77.163,65 €, pari cioè alla sommatoria della quota interessi nei 5 anni.

Calcolo agevolazione beni strumentali nuova Sabatini
Pubblicato in: Impresa, Investimenti, Società

Commenti

Nessuna Risposta a “L'agevolazione "nuova Sabatini"”

Nessun commento presente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.