Perizia econometrica

Come difendersi dall'anatocismo: la perizia econometrica

  • Di:Riccardo L.
  • 0 Commenti

Nel momento in cui sorge il dubbio che la nostra banca applichi degli interessi illeciti, qual'è la miglior strategia da adottare per difendersi? Il primo passo da seguire è certamente quello di affidarsi ad un professionista iscritto all'albo, il quale valuterà la possibilità di eseguire una perizia econometrica sul contratto stipulato. Questa non è altro che un'analisi approfondita e professionale tesa a rilevare, quantificare e riscontrare la sussistenza di determinati presupposti di natura matematico-giuridica che possano portare ad affermare l'esistenza di anatocismo, interessi ultralegali, interessi usurari ovvero altre simili fattispecie.

Per quanto riguarda i conti correnti saranno indispensabili per la realizzazione della perizia econometrica:

  • tutti gli estratti conto
  • tutti gli scalari
  • il contratto di affidamento del conto corrente
  • eventuali fidejussioni

Come già approfondito in un precedente articolo, l'azione civile si prescrive nel termine di 10 anni dall'apertura del conto corrente. In questo caso un importante accorgimento sarà quello di attuare l'interruzione della prescrizione in modo da garantirsi il diritto di agire in futuro. L'interruzione della prescrizione infatti si verifica quando il titolare del diritto compie un attività idonea a mostrare la sua volontà di esercitarlo e, a differenza della sospensione, non si apre un semplice periodo transitorio in cui la prescrizione non opera, ma la prescrizione stessa ricomincia a decorrere per un nuovo periodo pari a quello iniziale. Una tale attività può essere ad esempio l'invio di una lettera di diffida di restituzione delle somme illegittimamente addebitate: questa azione sarebbe sufficiente ad interrompere il corso della prescrizione e perciò, dalla data di ricezione della diffida, ripartirà nuovamente il termine di prescrizione decennale.

Una volta che la perizia sarà ultimata, questa potrà essere utilizzata per diversi scopi, come:

  • intraprendere una causa legale con la banca secondo le fattispecie riscontrate
  • intraprendere una trattativa con la banca
  • opporsi a richieste di rientro e decreti ingiuntivi o a revoche di eventuali fidi

La perizia econometrica risulta quindi il principale ed indispensabile strumento a difesa del correntista vittima dell'anatocismo per fare in modo di recuperare gli interessi illecitamente addebitati e vedersi riconosciuto, se possibile, il risarcimento del danno subito.

Pubblicato in: Anatocismo

Commenti

Nessuna Risposta a “Come difendersi dall'anatocismo: la perizia econometrica”

Nessun commento presente.

Lascia un commento